domenica 4 ottobre 2015

Pig Cake


Come ho già scritto in più occasioni, non sono una fan della pasta di zucchero. Forse perchè non amo mangiare torte dolcissime, estremamente manipolate, e che poi alla fine si assomigliano un pò tutte nel sapore... Però una torta con qualche dettaglio in pasta di zucchero, perchè no? In fondo è molto divertente creare decori che diano un tocco di colore e di allegria ai nostri dolci...come nel caso di questi buffi maialini che sguazzano nel fango. 
E' la torta maialina o pig cake che è da un pò che gira nel web e che mi ha fatto subito innamorare! Tant'è che questo è il mio secondo tentativo ed a fine mese dovrò procedere con il terzo dato che me ne hanno già chiesta un'altra... Eh sì perchè la pig cake non è solo d'effetto e fa impazzire tutti, grandi e piccini...è anche buonissima!
Ovviamente la base della torta ed il suo ripieno può essere quello che preferiamo, il top ed i bordi però devono essere tassativamente guarniti in cioccolato: una golosissima ganache che simula il fango, e dei biscotti ricoperti al cioccolato per fare la staccionata della vasca in cui i maialini nuotano felici. Tutto il resto sta alla nostra fantasia...
Qui dò le dosi della mia pig cake, valide per una tortiera da 20 cm.... La torta è certamente un pò elaborata ma di sicuro non impossibile... ed a chiunque vorrà cimentarsi.. un golosissimo assaggio!

***


Pig cake
(dose per 10/12 persone - tortiera da 20 cm)

per la base
5 uova
140 gr. di zucchero
80 gr. di fecola
50 gr. di farina
70 gr. di burro
1 bustina di vanillina

per la chantilly allo zabaione
4 tuorli
80 gr. di zucchero
115 gr. di marsala
12 gr. di fecola o amido
250 ml di panna da montare

per la ganache al cioccolato
200 gr. di cioccolato fondente
200 ml di panna da montare

per guarnire
2 pacchetti di biscotti tipo togo
nutella qb
pasta di zucchero e coloranti alimentari

Si comincia preparando le decorazioni in pasta di zucchero: consiglio di farle il giorno prima rispetto alla data della preparazione della torta, così saranno belle e pronte al momento in cui andremo a decorare. Non dò indicazioni...semplicemente liberate la vostra fantasia!


Il giorno dopo si passa alla preparazione della torta: per quanto riguarda la base ho scelto un pan di spagna "rinforzato", in pratica una specie di genoise, perchè la torta deve essere stabile.
Si montano a neve ferma gli albumi con metà dello zucchero; poi si passa a montare a spuma i tuorli con il rimanente zucchero e la vanillina. Ai tuorli così montati si aggiunge il burro ammorbidito a pezzi e si lavora il composto con la frusta elettrica fino a che non si avrà una crema morbida e liscia.



Alla crema di tuorli si aggiungono poi gli albumi montati ed, infine, farina e fecola setacciate, poco per volta e mescolando dal basso verso l'alto per non smontare il tutto.
Si passa poi alla cottura: io ho preferito preparare tre dischi di torta separati, suddividendo il composto in tre parti e stendendolo all'interno di un disco d'acciaio poggiato sulla teglia ricoperta di carta forno. Così facendo ho evitato di dover tagliare in dischi la torta, operazione in cui diciamo che non eccello... ;) In forno in tre diverse riprese, dunque, per circa 10 minuti di cottura ciascuna a 170 gradi.
Questo è stato il risultato, tre bei dischi di torta precisi e pronti all'uso.


Mentre la torta si raffredda, prepariamo lo zabaione. La ricetta è quella super collaudata dello Ziopiero, per cui come sempre rimando alla sua pagina qui.
Al nostro splendido zabaione uniremo i 250 ml di panna montata (io senza zucchero, ma se preferite leggermente zuccherata) per ottenere una sontuosa chantilly.


Passiamo quindi a montare la torta: la base si può anche bagnare con una bagna al marsala (acqua, zucchero e vino marsala nelle proporzioni che si preferiscono) ma senza eccedere, perchè la torta deve rimanere bella ferma. Alterniamo torta, chantilly allo zabaione e come nel mio caso (tanto per non farci mancare nulla...ma è stata una precisa richiesta del festeggiato!!) nutella.


Chiudiamo con il terzo disco di torta e poniamo in frigorifero a riposare mentre prepariamo la nostra ganache: tagliamo in scaglie il cioccolato fondente, mettiamo a bollire la panna, al bollore togliamo dal fuoco ed uniamo il cioccolato. Giriamo velocemente con una spatola et voilà, la ganache è pronta.
Lasciamola raffreddare un pò a temperatura ambiente perchè diventi più densa ma comunque spalmabile. Dopo circa 10/15 minuti tiriamo fuori dal frigo ed iniziamo la guarnizione.

La torta va prima lisciata in superficie con la chantilly rimasta, sui bordi invece stenderemo un pò di ganache che farà da collante per i biscotti. Infine, cominciamo a ricoprirla di biscotti al cioccolato: per farli aderire meglio ho spalmato di ganache i lati di ogni biscotto, in modo da "incollarli l'uno all'altro. Una volta finita l'operazione ho stretto intorno al dolce della pellicola alimentare ed ho messo in frigo a solidificare: perchè la torta abbia stabilità e riesca a tenere, la ganache deve essere fredda!
Dopo circa un'ora ho guarnito la superficie versando sul top della torta la ganache rimasta (se si è indurita troppo basterà scaldarla per un minutino) e collocando nel fango i maialini in pdz.
Possiamo infine sigillare il dolce con un bel nastro di raso.
Ovviamente, la torta va in frigorifero da cui va tirata fuori almeno mezz'ora prima di servire.


Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...